Con sede a Siviglia, dove il Flamenco è nato

Carmen By Mérimée

L’intreccio tra danza e recitazione come mezzi di comunicazione e filo conduttore della rappresentazione teatrale, mettono in scena la storia di José e Carmen, la quale fugge dal suo mito. Mérimée ci presenta  la figura della sigaraia, una donna sottoposta alla società patriarchica spagnola del XIX secolo. Si tratta di una zingara che combatte, vive e si comporta rifiutando il suo destino prestabilito per vivere senza pensare ad usi e costumi della sua etnia, creando una vita dove è lei a decidere chi vuole essere.

Tratto dal romanzo dello scrittore francese, questo balletto ha lo scopo di distanziarsi dal mito popolare di Carmen, sradicando la figura prototipica di “femme-fatale” esposto da Bizet nella sua versione dell’opera. Una donna molto più avanti rispetto alla sua epoca, indipendente e guerriera che, servendosi degli stereotipi del tempo sulle zingare, riesce a impadronirsi della sua libertà e, pur di non perderla, decide di morire.

Carmen e José, I protagonisti dell’opera, vivono una storia d’amore e di gelosia degna di romanticismo vista però da una prospettiva tragico-realista che, come in molte delle precedenti, termina con la morte dei due amanti.Tuttavia, a differenza di altre storie, in questo caso non si parla di un amore puro ma di un amore corrotto e fatto finire a causa della gelosia. 

Potrebbe anche interessarti

Spettacoli